Nursind faccia sindacato e l’A’ADI faccia diritto

AD OGNUNO LE PROPRIE COMPETENZE

NURSIND FACCIA CONTRATTAZIONE – A.A.D.I. DIRITTO

Dopo aver perso la causa per condotta antisindacale che, invece, Di Fresco aveva vinto contro l’’Università di Roma, quando faceva parte di Nursind, la profezia di un dirigente Nursind continua a ritorcersi contro. Aveva detto alle dimissioni di Di Fresco: “sei un fallito, tanto sai quanto avvocati troviamo più in gamba di te”, ma continuarono a perdere: ben due ricorsi sul tempo tuta. Uno al Gemelli e l’altro al San Camillo.

Ora arriva un’altra batosta. Hanno perso l’appello per il rimborso della tassa IPASVI tentando di imitare la causa che vinse un avvocato contro il proprio ordine professionale. Tutte queste sentenze sono manna per i datori di lavoro perché costituiscono precedenti contro gli infermieri.

Ed a nulla serve che Nursind cambi studi legali su studi legali; il diritto sanitario non si insegna alle università né esistono particolari corsi in tal senso. Ci vuole studio approfondito e specializzazione cioè impegno e pratica versata solo in questa materia.

Un avvocato per quanto bravo sia, studia e pratica diverse materie: condominio, diritto stradale, diritto di famiglia, separazioni, divorzi, ecc.. L’A.A.D.I., invece, pratica solo ed esclusivamente diritto infermieristico e il presidente viene da una specifica pratica ultraventennale versata solo ed esclusivamente in diritto sanitario e non dimentichiamo: è un infermiere che ancora indossa la divisa e lavora sul campo. Già nel 1994 frequentava il prestigiosissimo studio legale Abenavoli, Presidente dell’Associazione Giovanile Forense, tuttora in auge, ed ebbe il privilegio di praticare a latere dell’Avvocato imparando in oltre 12 anni tutto quello che c’era da imparare in diritto sanitario. Lo studio in questa specifica materia non è mai cessato, continua giorno dopo giorno e sentenza dopo sentenza, nonostante il master in diritto pubblico presso la Sapienza e il master biennale di secondo livello in diritto sanitario presso la Suprema Corte di Cassazione.

I sindacati facciano i sindacati e lascino fare il diritto a chi lo fa da anni.

PDF: